Servizi per le aziende - Pianeta Formazione

Servizi per le aziende

La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un'attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet - Not in Education, Employment or Training).
Tali percorsi sono caratterizzati dall’utilizzo integrato di una serie di strumenti, il cui impiego sinergico intende concorrere alla finalità di ridurre il gap tra giovani e occupazione. In tale contesto si inserisce la presente Direttiva, che si pone la finalità di realizzare specifici percorsi per l’occupabilità dei giovani e di contrastare l’abbandono scolastico - formativo, quale iniziativa che la Regione del Veneto mette a disposizione per dare concreto avvio al Piano di Attuazione Regionale della Garanzia Giovani. Per consentire la massima efficacia e il raggiungimento delle finalità esplicitate nel Piano di Attuazione Regionale (DGR n. 551/2014), le proposte progettuali, salvo il percorso di contrasto all’abbandono scolastico – formativo, dovranno essere costruite a partire dai fabbisogni professionali rilevati e dalle specifiche esigenze delle imprese. Per quanto riguarda i percorsi di contrasto all’abbandono scolastico - formativo, le proposte progettuali dovranno essere centrate sul reinserimento del minore in percorsi di istruzione e formazione.

DESTINATARI:
Possono partecipare alle attività i giovani NEET (persone disoccupate o inattive che non sono in educazione né in formazione) che hanno assolto all’obbligo di istruzione. I target individuati sono:
i giovani di età compresa tra i 15 e i 18 anni – accesso prioritario al programma i giovani di età compresa tra i 19 e i 24 anni – accesso prioritario al programma i giovani di età compresa tra i 25 e i 29 anni. Per quanto riguarda i requisiti in ingresso ai percorsi della presente Direttiva si precisa che, in caso di titoli di studio non conseguiti in Italia ma all’interno del territorio dell’Unione Europea, è necessaria la produzione ufficiale in lingua italiana di ogni documento presentato, rilasciata dalla competente Autorità. Per gli allievi stranieri che intendano certificare il possesso dei titoli di studio previsti dalla presente Direttiva, conseguiti all’esterno del territorio dell’Unione Europea, dovrà essere presentato il titolo originale o copia autentica di originale legalizzato. Ogni documento deve avere la traduzione giurata in italiano (asseverazione).


renovate_box_5